viola-payoff

Chi siamo

Fondata durante l’Anno Internazionale del Fanciullo (luglio 1979) da Nigel Cantwell e Canon Moerman, Defence for Children International ha contribuito attivamente al processo di stesura della Convenzione sui Diritti del Fanciullo delle Nazioni Unite e l’elaborazione di altri standard internazionali in un periodo nel quale i diritti umani ancora non rappresentavano una priorità nelle analisi e nella predispozione delle risposte alle problematiche dell'infanzia.


Il dibattito realizzato durante l’Anno Internazionale del Fanciullo aveva evidenziato e diffuso per la prima volta una grande quantità di informazioni specifiche relative alle violazioni dei diritti dell’infanzia per esempio in merito alla tortura, alla prostituzione, allo sfruttamento per fini economici, alla detenzione arbitraria, alla tratta e alla vendita di bambini.

Defence for Children International viene istituita per affrontare le numerose problematiche del mondo dell’infanzia attraverso un approccio che riconoscesse la centralità dei diritti umani.

Attraverso l'acquisizione di un ruolo di riferimento nel coordinamento del gruppo delle Ong durante la stesura della Convenzione, Defence for Children International ha sviluppato significativi contatti e rapporti con altre organizzazioni e si è costituita come crocevia di competenze e di risorse.

GLI SCOPI

  • Promuovere azioni di advocacy a favore dei diritti dell’infanzia affinché i bambini siano considerati soggetti portatori di diritti come sancito nella Convenzione sui Diritti dell’Infanzia, i suoi protocolli opzionali e gli altri strumenti sui diritti umani
  • Informare e sensibilizzare sulle questioni riguardanti i diritti dell’infanzia in tutto il mondo
  • Identificare, promuovere e organizzare azioni efficaci che assicurino la realizzazione concreta dei diritti dell’infanzia da un punto di vista della prevenzione, della protezione, della riabilitazione

I PRINCIPI

  • Il superiore interesse del bambino
  • I diritti dei bambini come diritti umani
  • La promozione dell’approccio basato sui diritti umani come un schema concettuale e politico per le azioni di advocacy in favore dei diritti dell’infanzia
  • La partecipazione dei bambini e degli adolescenti come uno dei principi base per l’esercizio della loro cittadinanza
  • La parità di genere
  • La co-responsabilità di Stato, Società, Comunità e Famiglia come principio guida in tutti gli interventi
  • la promozione dei diritti dei bambini e degli adolescenti a diversi livelli di azione: politico, sociale, comunitario e famigliare e il coinvolgimento diretto dei minori
  • I sistemi e i modi organizzativi devono a tutti i livelli (programmazione, reperimento fondi, gestione del personale ecc.) riflettere i principi statutari e realizzarsi in coerenza con essi

ALCUNI TRATTI DISTINTIVI

  • E' un movimento globale presente in oltre 40 paesi che rappresentano i 5 continenti
  • Le sezioni si coordinano a livello internazionale ma sono indipendenti e governate localmente
  • La sua attività è sistematica e organizzata ed è mirata a modificare le cause che portano alla violazione dei diritti
  • Non ha paura di denunciare apertamente responsabilità e violazioni
  • E’ un movimento associativo laico, indipendente, aperto ed accessibile alla partecipazione di tutti coloro che ne condividano i motivi
  • Esercita la sua azione nei confronti delle Nazioni Unite attraverso un Segretariato di coordinamento a Ginevra e una sede di rappresentanza a New York
  • Pur riconoscendo l’importanza di adeguate risorse finanziarie per lo sviluppo della sua azione, promuove il suo sviluppo attraverso modalità di comunicazione, reperimento fondi e partnership coerenti con i principi etici fondativi dell’organizzazione
2013 | ® Defence for Children International Italia

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.