viola-payoff

Children's Rights Behind Bars 2.0

Favorire la partecipazione per una positiva reintegrazione sociale dei minorenni detenuti

crbb

La presente iniziativa è concepita come il seguito del progetto “Children’s Rights Behind Bars - I diritti dei minorenni detenuti” e del progetto “Twelve - Promozione dell’articolo 12 della Convenzione ONU nell’ambito del sistema di giustizia minorile” e si inserisce all’interno dell’obiettivo globale di Defence for Children International di analizzare e migliorare la situazione dei bambini e ragazzi detenuti in tutto il mondo. Il progetto CRBB 2.0 è co-finanziato dal Programma Diritti, Uguaglianza e Cittadinanza dell’Unione Europea e coinvolge un partenariato transnazionale che comprende le seguenti organizzazioni:

  • Defence for Children international - Belgio
  • Defence for Children International - Italia
  • Dipartimento per la giustizia Minorile e di Comunità del Ministero di Giustizia italiano
  • Helsinki Committee for Human Rights (Polonia)
  • The Howard League for social reform (UK)
  • DCI World Service

Gli obiettivi specifici del progetto sono:

1. PROMUOVERE I DIRITTI DEI MINORI DETENUTI

Potenziare gli interventi realizzati con i minorenni detenuti attraverso un processo di promozione delle conoscenze e delle competenze degli operatori che lavorano negli istituti Penali per i Minorenni e negli altri Servizi della giustizia, a partire dalla loro esperienza professionale.

Attività: Organizzazione di laboratori formativi e di auto-valutazione rivolti al personale di due IPM per l’identificazione delle criticità, degli ostacoli e delle opportunità di miglioramento,  in relazione ai modelli d’intervento adottati e alle prassi operative utilizzate. Attivazione di un processo di auto-valutazione basato sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza e sulla Guida Europea per il monitoraggio dei luoghi dove i minorenni sono privati della libertà elaborata nella prima fase del progetto. Elaborazione di un rapporto finale relativo alle attività progettuali realizzate o Traduzione, stampa e diffusione della Guida Europea « Monitoraggio dei luoghi dove i minorenni sono privati della libertà ». Il lavoro di stampa e confezionamento sarà interamente realizzato all’interno del Carcere di Genova Pontedecimo e con materiali ecologici - certificazioni Eco-print ed FSC.

2. FAVORIRE LA PARTECIPAZIONE DEI RAGAZZI

Migliorare la situazione di privazione della libertà ed accompagnare il momento della ‘transizione’ e della fuoriuscita dei minorenni dal circuito penale, attraverso la loro partecipazione e l’ascolto delle loro istanze e opinioni.

Attività : Organizzazione di incontri con gruppi di ragazzi detenuti nei due IPM – Torino e Bari - utilizzando una metodologia partecipativa e laboratoriale o Costruzione insieme ai ragazzi di uno strumento di comunicazione delle loro istanze. Elaborazione di un rapporto finale relativo alle attività progettuali realizzate.

3. SUPPORTARE PROCESSI DI REINSERIMENTO DOPO L’ESPERIENZA PENALE

Supportare lo scambio e potenziare la collaborazione e la connessione tra i gli attori del sistema della giustizia minorile e dei servizi territoriali, per favorire un processo di reintegrazione post-detenzione.

Attività :  Organizzazione di seminari che coinvolgano i servizi di giustizia, i servizi sociali del territorio, gli organismi del privato sociale già coinvolti nel lavoro di ‘transizione’, oltre ad avvocati, operatori sanitari territoriali e magistrati. Elaborazione di linee guida/protocolli per favorire le strategie di cura ed accompagnamento, a vari livelli, nel delicato momento di passaggio di fuoriuscita degli utenti dalle strutture detentive minorili.

4. VALUTAZIONE DEL PERCORSO

Valutare in maniera continuativa il percorso in atto e diffonderne i risultati.

Attività : Elaborazione di un rapporto di valutazione del percorso redatto da un valutatore esterno o Il capofila DEI Belgio si occuperà di stilare un rapporto trasnazionale dell’iniziativa che sarà presentato presso il Parlamento Europeo nel periodo conclusivo del progetto.

Contatti:

Defence for Children International Italia

Pippo Costella Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Gabriella Gallizia Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dipartimento per la giustizia Minorile e di Comunità del Ministero di Giustizia

Cira Stefanelli: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Elisabetta Colla: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Orlando Iannace: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">

2013 | ® Defence for Children International Italia

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.