viola-payoff

Progetti in corso

iCARE - Migliorare la situazione dei minorenni coinvolti nei casi di sottrazione internazionale attraverso la cooperazione giudiziaria e la mediazione famigliare

La sottrazione internazionale di minori (ICA) si verifica frequentemente nell'UE, con 1.800 casi all'anno, e ha un immenso impatto psicologico ed emotivo su tutti i minorenni coinvolti, che può essere ulteriormente aggravato da un processo giudiziario lento e complicato a causa della mancanza di un'adeguata cooperazione tra le autorità centrali, operatori legali e mediatori familiari. Sulla base di questa analisi, e considerando l'interesse superiore del minorenne come priorità, il progetto iCare svilupperà e implementerà nuovi strumenti e attività per migliorare la situazione dei minorenni nei casi di ICA attraverso il rafforzamento della cooperazione giudiziaria e la promozione della Mediazione Familiare Internazionale (IFM) quale strumento complementare al procedimento giudiziario. Questo si tradurrà in un processo giudiziario a misura di minorenne, efficiente in termini di costi e di tempo nei casi di sottrazione internazionale di minori. 

iCare logo final


Obiettivo generale del progetto è rafforzare la capacità delle autorità centrali nazionali designate, di giudici, avvocati di diritto di famiglia e mediatori familiari, migliorando la cooperazione e lo scambio di informazioni. 

Obiettivi Specifici:

- Creare una sofisticata piattaforma elettronica che servirà come strumento per una migliore cooperazione tra le autorità centrali, i consulenti legali e i mediatori familiari, fornendo i mezzi per consentire uno scambio di informazioni nella gestione dei casi di sottrazione internazionale di minorenni.

- Creare un chatbot interattivo basato sull'intelligenza artificiale che fornirà ai minorenni e ai genitori informazioni e linee guida sulle azioni che devono intraprendere quando si trovano di fronte a casi di sottrazione internazionale, in modo da offrire loro una migliore assistenza in questi casi.

- Aumentare la capacità delle Autorità Centrali, dei consulenti legali e dei mediatori familiari su come applicare correttamente gli strumenti legislativi europei e internazionali relativi ai casi di sottrazione internazionale di minori e su come utilizzare metodi innovativi per la risoluzione delle controversie, per migliorare così la situazione dei minorenni e aumentare la cooperazione giurisdizionale.

- Redigere una metodologia che fornirà linee guida dettagliate per le autorità centrali, i consulenti legali e i mediatori familiari su come affrontare i casi di sottrazione internazionale di minorenni attraverso una migliore cooperazione e l'applicazione della IMF.

- Diffondere i risultati del progetto attraverso varie piattaforme e reti ai soggetti interessati al fine di aumentare la consapevolezza generale sulle questioni relative alla sottrazione internazionale di minori e sui metodi alternativi per la risoluzione delle controversie. 

Partenariato:

LIF - Law and Internet Foundation (Bulgaria) - Coordinatore del progetto

CERTH - Centre for Research and Technology-Hellas Information Technologies Institute (Grecia)

Defence for Children International Italia (Italia)

Mikk E. V. International Mediation Centre for Family Conflict and Child Abduction (Germania)

MCE - European Federation for Missing and Sexually exploited Children AISBL (Belgio)

Associati:

Unione Nazionale Camere Minorili

Servizio Sociale Internazionale - Segretariato Internazionale


Durata: 01/11/2020 - 01/11/2022 (24 mesi)

QUESTO PROGETTO E' CO-FINANZIATO DAL PROGRAMMA GIUSTIZIA DELL'UNIONE EUROPEA

eu flag

2013 | ® Defence for Children International Italia

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.