viola-payoff

Minorenni stranieri non accompagnati a Genova: dove siamo oggi

Schermata 2022 01 09 alle 15.03.04 copiaSchermata 2022 01 09 alle 15.02.50 copia

 

 

 

 

 

 

 

 

Nel mese di dicembre ci siamo impegnati insieme ai nostri operatori e volontari per cercare di essere vicini ai minorenni stranieri ospitati in condizioni di assoluta precarietà e pericolo negli alberghi genovesi. Senza lo sperato e più volte richiesto coordinamento con l'amministrazione comunale siamo stati ogni giorno, anche durante il periodo festivo, presenti alla distribuzione dei pasti nei sacchetti resi disponibili da Caritas e fondazione Auxilium.Abbiamo tentato di capire quale fosse la situazione dei ragazzi, per rilevare eventuali condizioni di particolare vulnerabilità insieme a dati essenziali che potessero rendere loro una minima identità, una minima presenza.

Abbiamo aperto un punto d'ascolto quotidiano ospiti della parrocchia di San Siro dove abbiamo incontrato i ragazzi per spiegare, anche in minimi termini, con l’aiuto di mediatori culturali, quale fosse la loro situazione per rispondere alle loro preoccupazioni ed ansietà rilevando perduranti omissioni da parte dei servizi che, per legge, dovrebbero prenderli pienamente in carico. A volte anche solo una stretta di mano o un sorriso amico ci sono sembrati utili. Una situazione di prima permanenza dopo un lungo viaggio che, come confermano tutte le analisi sul fenomeno, espone i ragazzi a gravi rischi e pericoli.

Leggi tutto: Minorenni stranieri non accompagnati a Genova: dove siamo oggi

Appello al Consiglio "Giustizia e Affari Interni" UE sulla tutela dei diritti dei minorenni migranti

Defence for Children aderisce all'appello delle principali organizzazioni per i diritti umani al Consiglio “Giustizia e Affari Interni" dell’Unione Europea perché gli Stati Membri rinnovino il proprio impegno transfrontaliero nella tutela dei diritti dei minorenni migranti e delle loro famiglie alle frontiere dell’Unione. L’appello chiede agli Stati Membri di ridurre il numero di minorenni migranti bloccati alle frontiere, ridurre il numero di minorenni che non vengono intercettati e tutelati dal sistema, rafforzare i percorsi legali favorendo i ricongiungimenti familiari, allentare le situazioni di tensione alle frontiere che determinano conseguenze gravi sui minorenni in transito.

Leggi l'appello in italiano

Leggi l'appello in inglese

Convegno - Una riforma a metà: la parola agli Ordini Professionali e alle Associazioni

Defence for Children Italia partecipa al convegno "Una riforma a metà: la parola agli ordini professionali e alle associazioni" che si terrà il prossimo 14 Dicembre 2021, alle ore 15.00 a Genova presso la  Sala Quadrivium in Piazza Santa Marta, 2 organizzato dalla sezione ligure dell'AIMMF.

  • Introduce il dott. Francesco Mazza Galanti già Presidente Sezione Famiglia Tribunale di Genova
  • Intervengono Avv. Chiara Antola, Ordine Avvocati Genova Dott.ssa Lisa Ferrante, Ordine Assistenti Sociali Liguria Dott. Anna Zunino, Ordine degli Psicologi Liguria Dott. Giuliana Callero, Psicologa CTU Tribunale di Genova Dott. Maria Naccari Carlizzi, Neuropsichiatra CTU Tribunale di Genova Avv. Roberta Di Bella, Camera Minorile di Genova Dott. Pippo Costella, Defence for Children International Italia Dott. Luca Villa, Presidente Tribunale per I Minorenni di Genova

 

Scarica docxla locandina qui114.55 KB

Schermata 2021 12 06 alle 10.42.00

Diventa mentore di un giovane migrante! Nuovo corso a gennaio!

2

SALTA CON ME!

Sono aperte le iscrizioni al prossimo corso di formazione per diventare mentori di giovani persone migranti.  

Il corso si svolgerà in presenza a Genova, presso il Circolo Zenzero di Via Torti 35, nelle seguenti date:

NUOVE DATE!

SESSIONE 1 - 29/01/2022 dalle ore 09.30 alle ore 17.30

SESSIONE 2 - 30/01/2022 dalle ore 09.30 alle ore 17.30

Per iscriversi occorre compilare ed inviare questo modulo di iscrizione.

Scopri di più sul programma di Mentoring!

Per informazioni e chiarimenti contattaci al numero (+39) 320 3855491 o via mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Esperti ONU condannano la classificazione di “organizzazioni terroristiche” da parte di Israele nei confronti di difensori dei diritti umani palestinesi

Schermata 2021 10 26 alle 18.55.11

Un gruppo composto da 17 esperti sui diritti umani delle Nazioni Unite condanna duramente e in modo netto la decisione del Ministro della difesa israeliano Benny Gantz di inserire 6 organizzazioni per la difesa dei diritti umani nella lista delle organizzazioni terroristiche. L’iniziativa delle autorità israeliane è stata definita congiuntamente dagli esperti come "un attacco frontale al movimento per i diritti umani palestinese e ai diritti umani in tutto il mondo”. Ci auguriamo che questa drammatica situazione possa risolversi grazie a un’azione politica e diplomatica che corrisponda alla gravità dei fatti. In questa prospettiva abbiamo ieri scritto e sollecitato il Ministro degli Affari Esteri Italiano ad assumere al più presto una posizione chiara affinché Israele riveda e modifichi urgentemente le proprie decisioni.

Leggi qui il comunicato completo 

Dichiarazione di Defence for Children International Palestina qualificata dalle autorità israeliane come "organizzazione terroristica"

balloonfloatawayIl 19 ottobre le autorità israeliane hanno accusato 6 storiche associazioni palestinesi per la difesa dei diritti umani di essere “organizzazioni terroristiche”. Il gruppo comprende Addameer, che assiste i prigionieri politici palestinesi, Al Haq, un’organizzazione che lavora anche con le Nazioni Unite, Defense for Children International-Palestine (DCI-P), Union of Agricultural Workers Committees (UAWC), Bisan Center for Research and Development e Union of Palestinian Women Committees (UPWC).

L’iniziativa israeliana è stata duramente condannata da molte agenzie istituzionali e non governative tra cui Amnesty International, Human Rights Watch e B’Tselem, l’organizzazione israeliana più importante per la difesa dei diritti umani.
Riportiamo la dichiarazione del direttore di Defence for Children International Palestina alla quale seguirà un’iniziativa congiunta di tutte le organizzazioni DCI nel mondo nei prossimi giorni.

Leggi la dichiarazione

2013 | ® Defence for Children International Italia

Questo sito web utilizza cookie. Continuando la navigazione si accettano gli stessi.